Ottimizzare Un Sito Web

Se hai letto la sezione precedente, dove parlo di come analizzare un sito web, è corretto che ti parli anche di come ottimizzare un sito web.

Con i continui cambiamenti di Google le uniche certezze sono rimaste:

  • Connessione sicura
  • Velocità di caricamento
  • Attenzione alla versione cellulare
  • Gestione corretta del menù di navigazione
  • Dati strutturati (schema.org)
  • Backlink, citazioni e menzioni

Se pensavi che la grafica moderna era il “segreto” per posizionarsi su Google, mi spiace dirti che sei totalmente fuori strada. Difatti, se hai analizzato il sito di Aranzulla come nell’esempio che ho fatto, noterai diversi fattori molto comuni a quelli appena citati.

Connessione Sicura

Anteprima Lets Encrypt

La navigazione sicura con il protocollo HTTPS è uno dei 200 fattori di ranking per Google. Nonostante non sia citata in molti siti web, avere un sito web che offre una connessione sicura a confronto con un competitor locale che non dispone, il sito con il certificato SSL avrà un punteggio migliore per la valutazione finale di Google.

Grazie a Let’s Encrypt qualsiasi persona può richiedere gratuitamente un certificato SSL (HTTPS) da abilitare sul server che ospita il tuo dominio.

Se hai un sito web in connessione non sicura, ti consiglio di installare subito un certificato SSL e configurare i redirect 301 da http verso https.

Velocità di Caricamento

Anteprima Pingdom

Sai perché Amazon vince sempre? Oltre alle agevolazioni offerte, il più importante negozio online al mondo (Amazon n.d.r) ci fa acquistare in meno di 5 secondi. 

Se consideriamo il pulsante di Amazon per acquistare “One Click” i secondi scendono a 2.

  • Clicchi il pulsante
  • Hai pagato con la carta memorizzata
  • Ricevi email di conferma ordine

Tutto questo in 2 secondi.

Ti ho voluto spiegare questo esempio perché oggi se vuoi “vincere” devi offrire contenuti smart: veloci, interattivi e di facile comprensione.

Immagina adesso di essere in una zona dove non prende e di navigare in connessione 3G. Apri un sito internet e per caricare solo la homepage ci sta più di 8 secondi.

Io dico che già a 4 secondi hai chiuso il sito e aperto una nuova finestra del tuo browser.

Se non sai come misurare la velocità del tuo sito web, ti posso consigliare alcuni tool gratuiti:

Ti consiglio di utilizzare pingdom e fare riferimento alla sua analisi, ovviamente impostando come server di scansione Londra oppure Francoforte.

Versione Mobile

Se vuoi ottimizzare un sito web un’attenzione particolare adesso va fatta anche per la versione mobile del tuo sito web.

Se il responsive design è nato come “sistema a griglie”, dobbiamo considerare quante griglie saranno leggibili dai dispositivi desktop e dai dispositivi cellulari.

Le dimensioni più comuni sono:

  • 1980×1080 (Monitor PC)
  • 1024×1366 (table)
  • 375×812 (iPhone X)
  • 414×736 (iPhone 6/7/8)
  • 480×882 (Responsive)

Significa che se vuoi mostrare due contenuti in una stessa riga da cellulare, dovrai ricreare il layout per la versione mobile. 

Molti sviluppatori ancora oggi ignorano la versione cellulare di un sito web e a fronte di 4 colonne in riga, per la versione cellulare diventano 1 colonna per 1 riga piuttosto di 2 colonne per 1 riga.

Menù di Navigazione

Ottimizzare un sito web significa anche offrire una navigazione fluida ed intuitiva agli utenti. Avere quindi un menù di navigazione con le sezioni principali del tuo sito, aiuta il tuo potenziale cliente a trovare le giuste informazioni in pochi clic.

Se la tua azienda offre + di 20 servizi o prodotti, è inutile aggiungere tutte le voci di menu. L’utente potrebbe confondersi e immaginare che tu sia il solito “tuttologo”, colui che sa fare tutto.

Facendo esempio sul mio sito web, io mi occupo di consulenza SEO in tutta Italia.

Devo inserire tutte le voci di menu includendo le città?

Assolutamente no.

Come puoi notare dal menù di navigazione che sto utilizzando, non riporto nessuna voce che riguarda consulenza SEO in una provincia. 

Eppure posso garantirti che sono in prima pagina cercando consulente SEO a Napoli, a Catania, a Ferrara, a Modena ecc..

Dati Strutturati

Anteprima Schema Org

Quando parliamo di ottimizzazione Google dobbiamo per forza citare i dati strutturati di Google.

Ma cosa sono i dati strutturati?

I dati strutturati sono degli elementi da aggiungere nel codice sorgente in formato JSON i quali permettono ai motori di ricerca di analizzare e percepire nel miglior modo possibile i contenuti delle pagine web.

Tra i dati strutturati più utilizzati nei siti web possiamo citare:

  • WebPage (indica la descrizione della pagina)
  • Brand (indica foto logo e nome azienda)
  • Organization (simile a Brand ma serve per il Knowledge Graph)
  • BreadcrumbList (indica la struttura)
  • SiteNavigationElement (indica le voci di menu)

Esempio Markup JSON WebSite

<script type="application/ld+json">
{
  "@context": "http://schema.org/",
  "@type": "WebSite",
  "name": "Nome Sito",
  "alternateName": "Altro Nome Sito",
  "url": "https://www.nomesito.it"
}
</script>

Esempio Markup JSON LocalBusiness (Servizi Professionali)

<script  type="application/ld+json">
{
  "@context": "http://schema.org",
  "@type": "ProfessionalService",
  "name": "Nome SIto",
  "image": "https://www.nomesito.it/img/logo.jpg",
  "@id": "",
  "url": "https://www.nomesito.it",
  "telephone": "+390123456789",
  "priceRange": "$",
  "address": {
    "@type": "PostalAddress",
    "streetAddress": "Via Nome Indirizzo",
    "addressLocality": "Città",
    "postalCode": "00000",
    "addressCountry": "IT"
  },
  "openingHoursSpecification": {
    "@type": "OpeningHoursSpecification",
    "dayOfWeek": [
      "Monday",
      "Tuesday",
      "Wednesday",
      "Friday",
      "Saturday"
    ],
    "opens": "09:00",
    "closes": "18:00"
  },
  "sameAs": [
    "https://www.facebook.com",
    "https://www.instagram.com"
  ]
}
</script>

Backlink, Citazioni e Menzioni

Per cercare di spiegare nel modo più semplice possibile la potenza dei backlink, delle citazioni e delle menzioni, ti spiego qui sotto 3 esempi di siti web che sono posizionati su Google grazie soprattutto ai backlink, alle citazioni e alle menzioni.

Ma cosa sono i backlink, le citazioni e le menzioni?

Uno dei tre fattori di ranking più importante per Google e gli altri motori di ricerca, è il backlink. Quando Google deve valutare un sito web prende in considerazione quante volte viene “richiamato” da altri siti web.

In pratica, se un sito viene citato tante volte da tanti siti di settore, sicuramente per Google significa che è un sito autorevole.

Qui sotto puoi vedere il video di Neil Patel che spiega (in inglese) cosa sono i backlink e a cosa servono.

876

In ottemperanza al D.Lgs. 196/2003 viene rispettata la tutela della privacy degli utenti del blog. Informativa resa ai sensi dell’articolo 13 del D.lgs. n.196/2003 ai visitatori del sito Francesco Adorno e fruitori dei servizi offerti dallo stesso, a partire dall’indirizzo (https://www.francescoadorno.it), con l’esclusione dei link esterni.

Dati di navigazione
In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, ed altri parametri connessi al protocollo http e relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.