Gli Algoritmi di Google

Vuoi sapere quali sono gli algoritmi di Google?

Fai clic sul pulsante modifica per cambiare questo testo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Google Panda

Google Panda è un algoritmo utilizzato per assegnare un punteggio di qualità ai contenuti delle pagine Web. Inizialmente, Panda era un filtro piuttosto che una parte dell’algoritmo di base di Google, ma nel gennaio 2016 è stato incorporato ufficialmente nel core dell’algoritmo di Google. Sebbene ciò non significhi che Panda sia ora applicato ai risultati della ricerca in tempo reale, indica che sia il filtraggio che il recupero da Panda avvengono ora più velocemente rispetto a prima.

Google Penguin

Google Penguin è un algoritmo che mira a identificare i siti con profili di link non naturali, considerati spamming dei risultati della ricerca utilizzando tattiche di manipolazione dei link. Dalla fine del 2016, Penguin fa parte dell’algoritmo di base di Google e opera in tempo reale, il che significa che le sanzioni vengono applicate più rapidamente e il recupero richiede meno tempo.

Google Pirate

Google Pirate è stato progettato per impedire ai siti che hanno ricevuto numerosi rapporti di violazione del copyright di posizionarsi correttamente nella ricerca di Google. La maggior parte dei siti interessati sono siti web relativamente grandi e noti che rendono disponibili gratuitamente ai visitatori contenuti piratati (come film, musica o libri), in particolare siti torrent. Detto questo, Google non è ancora in grado di seguire i numerosi nuovi siti con contenuti piratati che emergono letteralmente ogni giorno.

Google Hummingbird

Google Hummingbird ha a che fare con l’interpretazione delle query di ricerca, (in particolare le ricerche conversazionali più lunghe) e fornendo risultati di ricerca che corrispondono all’intento del ricercatore, piuttosto che a singole parole chiave all’interno della query.

Google Pigeon

Google Pigeon (che riguarda attualmente solo le ricerche in inglese) ha modificato drasticamente i risultati restituiti da Google per le query in cui la posizione del ricercatore ha un ruolo. Secondo Google, Pigeon ha creato legami più stretti tra l’algoritmo locale e l’algoritmo principale, il che significa che gli stessi fattori SEO vengono ora utilizzati per classificare i risultati Google locali e non locali. Questo aggiornamento utilizza anche la posizione e la distanza come fattore chiave nella classificazione dei risultati.

Pigeon ha portato a un calo significativo (almeno del 50%) del numero di query per cui sono stati restituiti i pacchetti locali, ha dato un incremento di ranking ai siti di directory locali e ha collegato ricerca Web di Google e ricerca Google Maps in un modo più coerente.

Google Mobile Friendly

Google Mobile Friendly è  un vero e proprio aggiornamento all’algoritmo ottimizzato per dispositivi mobili (noto anche come Mobilegeddon). Questo aggiornamento ha lo scopo di garantire che le pagine ottimizzate per i dispositivi mobili siano nella parte superiore della ricerca mobile e, successivamente, le pagine di basso livello che non sono ottimizzate per i dispositivi mobili. Le ricerche sul desktop non sono state influenzate dall’aggiornamento.

La facilità di utilizzo del cellulare è un fattore a livello di pagina, il che significa che una pagina del tuo sito può essere considerata mobile-friendly e quindi sali in SERP, mentre il resto potrebbe fallire il test.

Google RankBrain

RankBrain è un sistema di apprendimento automatico che consente a Google di decifrare meglio il significato delle query e di fornire i risultati di ricerca più appropriati in risposta a tali query.

Mentre in RankBrain c’è un componente di elaborazione delle query, c’è anche un componente di ranking (quando RankBrain è stato annunciato per la prima volta, Google lo ha definito il terzo fattore di ranking più importante). Presumibilmente, RankBrain può riassumere in qualche modo di cosa tratta una pagina, valutare la pertinenza dei risultati di ricerca e insegnare a se stessa a migliorare ancora con il tempo.

La comprensione comune è che RankBrain, in parte, si basa sui fattori SEO tradizionali (link, ottimizzazione on-page, ecc.), Ma esamina anche altri fattori che sono specifici della query. Quindi identifica le caratteristiche di pertinenza sulle pagine nell’indice e organizza i risultati rispettivamente in SERP.

Google Possum

L’aggiornamento di Possum è il nome di una serie di recenti modifiche nel filtro di classificazione locale di Google. Dopo Possum, Google restituisce risultati più vari a seconda della posizione fisica del ricercatore (più vicino sei fisicamente a un determinato business, più probabilmente lo vedrai tra i risultati locali) e il fraseggio della query (anche le variazioni ravvicinate ora produrre risultati diversi). In qualche modo paradossale, Possum ha anche dato una spinta alle imprese che si trovano al di fuori dell’area fisica della città. (In passato, se la tua azienda non si trovava fisicamente nella città che hai preso di mira, non veniva quasi mai inclusa nel pacchetto locale, ora non è più così.) Inoltre, le aziende che condividono un indirizzo con un’altra azienda di un simile il tipo può ora essere de-classificato nei risultati della ricerca.

Google Fred

Fred ha preso il nome da Gary Illyes di Google, che ha scherzosamente suggerito che tutti gli aggiornamenti si chiamassero “Fred”. Google ha confermato che l’aggiornamento ha avuto luogo, ma si è rifiutato di discuterne le specifiche, dicendo semplicemente che i siti che Fred ha come target sono quelli che violano le linee guida per i webmaster di Google. Tuttavia, gli studi dei siti interessati mostrano che la stragrande maggioranza di essi sono siti di contenuti (principalmente blog) con articoli di bassa qualità su un’ampia varietà di argomenti che sembrano essere creati principalmente allo scopo di generare entrate pubblicitarie o di affiliazione.

Google Mobile First

Anche non è stato confermato, il motore di ricerca di Google ha di fatto aggiornato il suo algoritmo globale penalizzando drasticamente tutti i siti web che non presentavano ottimizzazione per i dispositivi mobile. Per Google non basta più avere un sito web responsive, bensì vuole un sito che tenga cura di tutti gli aspetti per i dispositivi mobili:

  • Above the fold
  • Contenuti a due colonne da mobile
  • Distacco evidente tra un elemento ed un altro
  • Grandezza carattere ben visibile

Come abbiamo spiegato in precedenza, Big G ha affermato che si tratta di un aggiornamento “globale”, che implica che ogni nicchia e ogni tipo di sito potrebbero essere stati interessati. Ma sulla base dei dati che ho visto da sondaggi e consulenti SEO, sembra esserci un focus su nicchie mediche e sanitarie, così come su siti YMYL(“Your Money Your Life”). 

Cos’è YMYL? Le pagine “Your Money o Your Life” sono quelle incentrate su denaroed eventi della vita. Le linee guida di Google raters le definivano come:

  • Pagine che sollecitano informazioni personali, come numeri di identificazione personale, numeri di conto bancario, numeri di patente di guida, ecc., Che potrebbero essere utilizzati per il furto di identità.
  • Pagine utilizzate per transazioni monetarie, su cui gli utenti potrebbero fornire i loro dati di conto bancario o conto bancario; per esempio, qualsiasi pagina che ti permetta di comprare qualcosa.
  • Pagine che offrono informazioni mediche o sanitarie che potrebbero influire sul tuo benessere fisico.
  • Pagine che offrono consigli su importanti decisioni sulla vita, come le pagine sui genitori, l’acquisto di una casa, un veicolo e così via.
  • Pagine che offrono consigli su importanti problemi della vita che potrebbero avere un impatto sulla felicità e le finanze future, come le pagine che forniscono consulenza legale o finanziaria.

Il noto sito Search Engine Land in questo articolo illustra i siti web che hanno subito una penalizzazione e quali invece hanno subito un “premio” da parte dell’aggiornamento di Agosto 2018.

In ottemperanza al D.Lgs. 196/2003 viene rispettata la tutela della privacy degli utenti del blog. Informativa resa ai sensi dell’articolo 13 del D.lgs. n.196/2003 ai visitatori del sito Francesco Adorno e fruitori dei servizi offerti dallo stesso, a partire dall’indirizzo (https://www.francescoadorno.it), con l’esclusione dei link esterni.

Dati di navigazione
In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, ed altri parametri connessi al protocollo http e relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.